Patti: depotenziamento dell'ospedale "Barone Romeo", una nota del comitato Aretè
PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Mercoledì 19 Aprile 2023 17:24
Visite articolo: 4624 volte

Il presidente del Comitato per la tutela dell'Ospedale "Barone Romeo" di Patti, Carmelina Lipari, ha inviato una nota al Commissario Straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina, dott. Bernardo Alagna, al Direttore Sanitario dell'Asp di Messina, dott. Domenico Sindoni e al Direttore sanitario del nosocomio pattese, dott. Giovanni Merlo, nella quale si evidenzia come il "Barone Romeo" continua ad essere depotenziato nel silenzio assoluto di tutti gli organi e dei dirigenti preposti alla salvaguardia e al mantenimento dello stesso.”

Continuiamo a registrare carenze di personale medico ed infermieristico, con la conseguenza che le Liste di attesa sono improponibili, i reparti si stanno indebolendo, attendiamo Primari di Ortopedia e Radiologia ormai da anni, Emodinamica, un servizio “salva-vita”, resta chiuso durante le ore notturne, il Pronto Soccorso dispone  spesso di un solo medico di turno e i pazienti attendono  ore interminabili, per poi sentirsi dire che devono andare in altri presidi per la mancanza dello specifico reparto o di posti letto, la Risonanza Magnetica funziona SOLO due volte alla settimana, esclusivamente per cervicale e lombare (bambini trasferiti in altre strutture per una risonanza all’encefalo) alcuni reparti sono ospitati nei “corridoi”, accorpamenti di reparti per carenza di personale”. 

I disagi che, giornalmente, subiscono i pazienti e tutto il personale sanitario sono inenarrabili. Solo chi lavora dentro l’ospedale conosce i sacrifici che giornalmente si vede costretto a fare, per colmare una mancata organizzazione e una scarsa qualità dirigenziale

Il presidente del Comitato Aretè conclude la sua nota in modo provocatorio: Io sono ignorante in materia, ma voi? Perché non ci date spiegazioni, soluzioni e rassicurazioni vere, non a parole o  giustificandovi col ritornello che tutta Italia ha questi problemi? Meritiamo tutti, cittadini, medici, infermieri e personale sanitario rispetto e considerazione!!!.




 522 visitatori online
Articoli più visti