Gioiosa Marea: il pericolo del fuoco e l’intervento dei canadair
PDF Stampa
Scritto da Massimo Natoli   
Venerdì 20 Ottobre 2023 15:50
Visite articolo: 8513 volte

LWhatsApp Image 2023-10-20 at 13.39.22’arrivo dei canadair era atteso e puntualmente ne sono arrivati due nel cielo di Gioiosa Marea; al momento la situazione era questa. Nell’area di Villa Ridente il fuoco stava raggiungendo le abitazioni dov’erano alloggiati alcuni turisti e a titolo precauzionale sono state evacuate sette abitazioni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Milazzo. Dalla strada statale 113 in direzione Palermo il fumo ha avvolto tutta la collina e da lontano anche la città di Gioiosa Marea era coperta da una coltre di fumo. Il luogotenente Santo Fazio, comandante della stazione dei carabinieri di Gioiosa Marea, operativo sui luoghi degli incendi, aveva segnalato la situazione particolarmente critica sull’area di Capo Calavà, dove il fuoco minacciava un complesso turistico, al momento non abitato e poi il rifornimento di benzina localizzato sulla statale 113. Vicino al rifornimento si sono sistemati i vigili del fuoco e poi è stato un via vai di lanci dei canadair, mentre la zona era presidiata da carabinieri, polizia, vigili del fuoco, polizia municipale, protezione civile, amministrazione comunale e Anas. Solo con i mezzi aerei, vista la situazione particolarmente critica del fuoco a ridosso delle colline, il fuoco è diventato man mano fumo; mai come in questo caso e come si sarebbe potuto verificare in altre circostanze, come negli ultimi incendi a Gioiosa Guardia ed in altre zone del pattese, i lanci si sono rivelati man mano risolutivi. Una circostanza che deve far pensare all’aumento di questi mezzi aerei in dotazione ai vigili del fuoco, in modo da poter fronteggiare adeguatamente le emergenze che si verificano sul territorio anche nello stesso momento. Nello stesso tempo è l’ora di ripensare ad una nuova strategia per fronteggiare gli incendi, perché quella che abbiamo toccato con mano – pur tra l’encomiabile sforzo dei vigili del fuoco, forze dell’ordine, protezione civile, forestale, polizia municipale e volontari –  fino ad adesso non ha dato molti frutti se è vero che buona del territorio è ridotto ad un paesaggio lunare.




 708 visitatori online
Articoli più visti