Tindari: oggi la celebrazione per i cinquant'anni di fondazione delle Suore Speranzine
PDF Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Venerdì 02 Febbraio 2018 12:10
Visite articolo: 443 volte

Accanto al Santuario della Madonna del Tindari, il Vescovo mons. Giuseppe Pullano costituì cinquant'anni fa un santuario di anime che, rivivendo in certo qual modo il mistero di Nazareth, potessero rendere attuale la presenza di Maria nel mondo d'oggi ed essere disponibili a tutta quella serie di opere che già il suo cuore sognava. Così il 2 febbraio 1968 diede inizio alla Comunità delle Sorelle Speranzine della Madonna del Tindari. Ogni Speranzina si “propone di imitare Gesù nella figura del Redentore dell’umanità e Maria sua Madre, Ancella del Signore”, ha in Maria il modello di risposta al volere di Dio, di adesione al suo progetto salvifico; Maria diventa il prototipo della Speranza che in Lei si fa certezza e implorazione peri suoi figli, confidente abbandono all’amore infinito del Padre e ardente invocazione per affrettare l’Ora  dei disegni di Dio. L'attività dell'Istituto, oltre al Santuario ed alle sue Opere, si estende alle varie forme di apostolato mariano in genere, alla promozione delle vocazioni sacerdotali e religiose, alla collaborazione nel ministero pastorale in seno alle diocesi e alle parrocchie. La spiritualità delle Speranzine della Madonna del Tindari è basata principalmente sui principi della spiritualità mariana, che le aiutano a raggiungere il fine della Congregazione e ad uniformare la loro vita alla natura della medesima. In particolare si propongono di imitare Gesù nella figura del Redentore dell’umanità e Maria sua Madre ancella del Signore”. Per celebrare la ricorrenza, oggi pomeriggio, alle ore 17 il Vescovo mons. Guglielmo Giombanco, nel Santuario di Tindari, celebrerà la Santa Messa solenne nella festa della Presentazione del Signore; la Messa sarà preceduta nella Cappella dei Santi diocesani dal rito della benedizione delle candele, seguirà la processione verso l'Altare della Madonna per la Celebrazione giubilare. All'Istituto delle Suore Speranzine la Redazione del nostro giornale augura di tenere sempre accesa la lampada della fede, spandere l’incenso della preghiera e il profumo del servizio nell’offerta quotidiana della loro vita, auspicando un incremento di vocazioni alla vita consacrata nel loro Istituto. 

 

 





 205 visitatori online
Articoli più visti