Patti: l'associazione "Terzo Tempo" continua il percorso per riportare lo stadio alla piena funzionalità
PDF Stampa
Scritto da Nicola Arrigo   
Lunedì 26 Marzo 2018 20:26
Visite articolo: 529 volte

Grazie alla gestione dell’associazione “Terzo Tempo”, che lo ha avuto affidato nel 2013, lo stadio comunale “Gepy Faranda” prosegue nel laborioso percorso teso a riportarlo alla piena funzionalità. Un altro passo importante in tal senso è stato fatto: il Genio Civile ha dato l’ok per l’avvio dei lavori di adeguamento della tribuna coperta alla normativa vigente, per ottenere l’omologazione per 1300 posti al coperto, oltre i 200 della tribuna riservata agli ospiti. “Il nostro costante lavoro, con tanti sacrifici – sottolinea il presidente dell’associazione Terzo Tempo, Pippo Martella, - continua a sortire i risultati sperati e l’ok del Genio Civile è indubbiamente un’altra tappa fondamentale nel processo di rivalutazione dello stadio”. “La prima tappa – ricorda Martella – è stata la riqualificazione del terreno di gioco e degli spogliatoi; quindi, si è proceduto alla bonifica dell’area esterna al terreno di gioco e allo stadio, per passare, quindi, alla sistemazione e all’adeguamento degli spalti scoperti, per avere l’omologazione fino a 200 spettatori”. L’associazione Terzo Tempo è, inoltre, già proiettata nel futuro: “il passo successivo – anticipa Martella – si spera possa essere la concessione di un finanziamento per sistemare la pista, l’impianto di illuminazione e per rinnovare gli spogliatoi. In merito all’approvazione del relativo progetto, il Coni dovrebbe dare risposta entro fine aprile”. Un lavoro, quindi, di profondo restiling e adeguamento che procede ormai da cinque anni e proseguirà ancora almeno per un altro triennio. “Spostando poi il limite temporale ancora più avanti – conclude Martella – si pensa di affiancare al Gepy Faranda un campo di calcio in terra battuta, a supporto allo stadio principale, che, così, potrebbe mantenere la sua caratteristica di campo di calcio in erba naturale, uno dei pochi rimasti in provincia”.




 162 visitatori online
Articoli più visti