Il consigliere Tripoli: "La scuola di Tindari non si tocca"!
Stampa
Scritto da Comunicato Stampa   
Sabato 28 Aprile 2018 11:43
Visite articolo: 393 volte
Il fatto che la maggioranza consiliare nella seduta del 26 aprile scorso abbia bocciato il prelievo della mia mozione, che impegna l'amministrazione a togliere dai bene alienabili la scuola di Tindari per inserirla invece nei beni indisponibili dell'ente, non mi fa perdere le speranze.
Sono convinto che in occasione del bilancio, il consiglio comunale voterà un emendamento in tal senso che decreterà definitivamente la cancellazione di questa importante struttura dall'alenco dei beni alienabili.
È impensabile inoltre che quella struttura venga letteralmente svenduta a 62.000 euro, anche se noi sosteniamo fermamente che non debba essere svenduta neppure per 500.000 euro, in quanto patrimonio della città Patti ed in particolare del colle tindaritano.
La posizione strategica rende quella struttura unica per gli utilizzi che se ne potrebbero ricavare, dalla realizzazione di un museo della fotografia allo sportello del turismo o di un museo delle ceramiche o delle specialità pattesi ecc ecc.
E per questo che oltre alla mozione ho già provveduto a interrogare l'amministrazione per sapere se è stata fatta una adeguata stima dello stabile che lo vede inserito nei beni alienabili, se è stata interpellata l'agenzia del territorio per verificarne la congruità del prezzo, e se si ritiene utile  interpellare la soprintendenza considerata la zona di importante interesse storico culturale essendo la stessa dislocata a meno di 150 metri dalla zona archeologica di Tindari. 
 
Il consigliere comunale Tripoli Filippo di "Patti Futura"



 152 visitatori online
Articoli più visti