Patti: rimozione dei materiali in stato di degrado e abbandono che si trovano sui litorali
Stampa
Scritto da Nicola Arrigo   
Venerdì 11 Maggio 2018 12:47
Visite articolo: 792 volte

Dovranno essere rimossi, dai rispettivi proprietari, le imbarcazioni di qualsiasi tipo e dimensione, reti, gavitelli, motori di qualsiasi tipo e genere, materiali inerenti l’attività peschereccia e tutti gli altri oggetti che si trovano sui litorali di Patti Marina, Mongiove e Marinello, in stato di degrado o di abbandono, a qualsiasi titolo, e che creano pregiudizio al decoro, alla sicurezza e alla pubblica incolumità. Tutto dovrà avvenire entro dieci giorni dalla notifica dell’ordinanza firmata dal sindaco Mauro Aquino, con avvertenza che, in caso di inadempienza o di ritardo, si procederà con l’esecuzione d’ufficio, con l’avviso che tutte le spese necessarie per tale esecuzione nonché le spese per il ricovero di tutto il materiale saranno a carico dei proprietari inadempienti, somme che saranno recuperate nelle forme di legge. Il Comando della Polizia Municipale e gli agenti della Forza Pubblica sono incaricati di fare eseguire l’ordinanza. Il primo cittadino ha disposto, altresì, che copia dell’ordinanza venga trasmessa alla Capitaneria di Porto di Milazzo – Delegazione di Spiaggia di Patti – per i provvedimenti di propria competenza. Il provvedimento scaturisce dal fatto che il comune ha già affidato il servizio di livellamento e pulizia delle citate spiagge libere, lavori che non possono partire appunto perché sui litorali in questione risultano stazionanti i materiali sopra ricordati che ostacolano e rendono disagevole l’esecuzione degli stessi oltre a creare pregiudizio all’utilizzo delle spiagge stesse e al decoro cittadino. Pertanto, al fine di eliminare tutti gli inconvenienti e per agevolare le operazioni di livellamento e di pulizia degli arenili si è reso indispensabile, come detto, emettere i provvedimenti necessari per lo sgombero delle aree in questione.




 308 visitatori online
Articoli più visti