Il Papa all'Angelus di oggi ringrazia i siciliani per la calorosa accoglienza
Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Domenica 16 Settembre 2018 12:25
Visite articolo: 644 volte

Papa Francesco all'Angelus di oggi ha ricordato la sua visita pastorale di ieri, sabato 15 Settembre, a Piazza Armerina e a Palermo in occasione del 25° del martirio del beato don Pino Puglisi; queste le parole del Papa:

Cari fratelli e sorelle,

ieri mi sono recato in visita apostolica a Piazza Armerina e a Palermo, in Sicilia, nell’occasione del 25° anniversario della morte del Beato Pino Puglisi. Un applauso a don Pino! Ringrazio di cuore le Autorità civili ed ecclesiastiche e tutte le persone che hanno contribuito a rendere possibile questo viaggio. Ringrazio i bravi piloti dell’aereo e dell’elicottero. Ringrazio in particolare i cari vescovi Rosario Gisana e Corrado Lorefice per il loro eccellente servizio pastorale. Ringrazio i giovani, le famiglie e tutto il meraviglioso popolo di questa bellissima terra di Sicilia, per la loro calorosa accoglienza. L’esempio e la testimonianza di don Puglisi continuino ad illuminare tutti noi e a darci conferma che il bene è più forte del male, l’amore è più forte dell’odio. Il Signore benedica voi siciliani e la vostra terra! Un applauso ai siciliani!

Al termine della preghiera mariana dell’Angelus, a tutti i fedeli presenti in Piazza San Pietro è stato distribuito - a pochi giorni dal ricordo liturgico della Festa dell’Esaltazione della Santa Croce - un “Crocifisso”, dono di Papa Francesco.
Il crocifisso in metallo argentato, confezionato in una busta trasparente, è accompagnato da un cartoncino che riporta in tre lingue una frase di Papa Francesco pronunciata nel corso della Via Crucis della Giornata Mondiale della Gioventù in Brasile (26 luglio 2013): “Nella Croce di Cristo c’è tutto l’amore di Dio, c’è la sua immensa misericordia”.
Dopo che il Santo Padre ha presentato e mostrato il crocifisso dalla finestra del Palazzo Apostolico Vaticano, sono stati ancora una volta i poveri, i senzatetto e i profughi, insieme a molti volontari e religiosi, a donare i 40.000 crocifissi ai fedeli che hanno recitato l’Angelus insieme al Papa.
Al termine della distribuzione, ai volontari e ai bisognosi – erano oltre 300 - è stato offerto un tramezzino e una bevanda da parte di Papa Francesco.




 160 visitatori online
Articoli più visti