Patti: Palazzetto di via Mazzini per realizzare i carri, indagano i Carabinieri
Stampa
Scritto da Gabriele Villa   
Martedì 12 Febbraio 2019 15:36
Visite articolo: 580 volte

Questa mattina i carabinieri della Stazione di Patti hanno effettuato un sopralluogo presso il vecchio Palazzetto di Via Mazzini. Subito dopo si sono recati in Comune per prelevare la documentazione inerente il vecchio impianto sportivo.

I militari dell’Arma hanno voluto verificare l’effettiva presenza delle strutture dei carri allegorici prima di andare presso gli uffici di Palazzo dell’Aquila e di Piazza Mario Sciacca per accertare se vi fossero le autorizzazioni per l’utilizzo dell’impianto.

Al momento i militari dell’Arma non hanno posto i sigilli alla struttura in attesa che vengano effettuati i dovuti accertamenti. Per questo i carristi, che avrebbero firmato una liberatoria al Comune, possono continuare a realizzare le loro opere di cartapesta.

Adesso gli incartamenti prelevati dalle fiamme argento, con le varie deduzioni, saranno trasmesse alla Procura della Repubblica di Patti che accerterà la presenza di eventuali reati e valuterà se apporre i sigilli all’impianto.

Da indiscrezioni si è comunque appreso che non ci saranno problemi per il Carnevale. Infatti dovrebbe essere comunque data la possibilità ai carristi di proseguire con la realizzazione delle proprie opere. La questione da risolvere, eventualmente, sarebbe quella di trovare, in caso di sequestro, un luogo alternativo dove far lavorare i carristi.

Per quanto riguarda la presenza dei carristi all’interno dell’impianto non dovrebbero esserci irregolarità, infatti, ogni responsabile dei carri avrebbe presentato un’apposita istanza e liberatoria per accedere all’interno del vecchio palazzetto dello sport.

Dal Comune fanno sapere che la situazione è sotto controllo e che tutte le carte relative l’utilizzo della struttura sono in regola e che gli uffici stanno fornendo ai carabinieri tutti gli incartamenti necessari per chiarire la situazione.

Sembrerebbe che l’azione dei carabinieri sia dovuta ad un esposto presentato nei giorni scorsi.




 158 visitatori online
Articoli più visti