Patti: una ragazza del Liceo Classico racconta la cerimonia della consegna della borsa di studio “Antonella Minniti-Ajello”
Stampa
Scritto da Lucrezia Natoli   
Lunedì 14 Ottobre 2019 17:41
Visite articolo: 747 volte

Lunedì 7 ottobre 2019 si è svolta la cerimonia di consegna della borsa di studio intitolata “Antonella Minniti-Ajello” nei locali dell’aula magna del Liceo Vittorio Emanuele III di Patti a due dei quattro ex-alunni segnalati dall’Istituto.

La borsa di studio, istituita dal dott. Nino Ajello in seguito alla prematura scomparsa della moglie dott.ssa Antonella Minniti nel 2013, è dedicata ai ragazzi frequentanti l’ultimo anno dell’istituto superiore di II grado e viene assegnata a coloro i quali si sono distinti nel corso degli studi e nell’esame di stato per bravura e spiccata humanitas, qualità appartenute alla stessa Antonella. Lo studente/La studentessa vincitore /vincitrice, fra le eccellenze culturali e umane segnalate dall’Istituto, è scelto/a da una commissione composta dallo stesso dott. Ajello, da Fra’ Felice e dalla prof.ssa Rosetta Vitanza che purtroppo non hanno potuto essere presenti.

La cerimonia, alla quale erano presenti tutte le classi quinte del liceo Vittorio Emanuele III, i docenti in servizio, il dott. Giuseppe Ajello, suocero della Minniti, colleghi ed amici di quest’ultima, è stata avviata dalla neo-dirigente scolastica Marinella Lollo manifestando la sua stima nei confronti del dott. Ajello che con questa lodevole iniziativa esalta il valore dello studio e l’importanza del sacrificio.

A seguire l’interessante e commovente intervento del marito della dott.ssa ha catturato tutti i presenti facendo vivere attraverso le sue parole la storia coniugale della coppia Minniti-Ajello, che ha condiviso fino all’ultimo giorno valori e ideali. Il dottore ha sollecitato i ragazzi alla riflessione sul valore dell’affetto che supera la freddezza della morte e la sopravvive, spiegando come, nonostante sua moglie sia scomparsa, la loro Fede, il ricordo di una vita felice, l’amore dei figli e le buone azioni compiute in vita gli consentono di affrontare le quotidiane sfide della vita.

Quest’anno la borsa di studio è stata divisa ex-aequo tra gli studenti Maria Giovanna Natoli (V B linguistico) e Giuseppe Gatani (V E scientifico scienze applicate) mentre la targa ricordo è stata consegnata anche ad altri due studenti segnalati dall’istituto Gabriele De Luca (V A classico) e Omar Dhi Fallah (V E scientifico scienze applicate), assenti perché già trasferitisi nelle rispettive sedi universitarie.

A noi studenti rimane nel cuore l’importanza di un rito che si ripete ogni anno che ci consegna una memoria importante da emulare e contestualmente un impegno da assumere, non solo perché l’anno prossimo potremmo essere destinatari della borsa di studio ma anche per essere individui consapevoli della strada di vita da percorrere, che ci auguriamo coniughi sempre l’eccellenza del sapere ai valori dell’altruismo e della solidarietà. Lucrezia Natoli (V A  Liceo classico)




 171 visitatori online
Articoli più visti