"Il mare di Patti merita la bandiera blu", nota dei consiglieri Musmeci e Salvo
Stampa
Scritto da Comunicato stampa   
Venerdì 22 Maggio 2020 13:31
Visite articolo: 306 volte

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma dei consiglieri comunali Luca Musmeci e Placido Salvo.

Il mare di Patti merita la Bandiera Blu, non merita di essere sottoposto ad una valutazione negativa per una scelta superficiale ed azzardata. Partendo da questo presupposto abbiamo inoltrato una interrogazione, con contestuale richiesta di accesso agli atti, per comprendere cosa è andato storto nella candidatura curata dall’Assessorato al turismo del Comune di Patti. Siamo rimasti increduli di fronte alla reazione scomposta dell’Assessore Messina alle legittime critiche mosse, una reazione che a nostro avviso non fa onore e danneggia l’intera Amministrazione comunale. Sembra di trovarsi dinanzi ad uno studente che volontariamente si sottopone ad un esame universitario e viene bocciato. Naturalmente uno va a fare l’esame se ritiene di essere preparato altrimenti continua ad applicarsi sino a raggiungere la dovuta preparazione. Ma dopo essere stato bocciato lo studente non può mettersi da solo un voto positivo sul libretto, né può dare colpa a vecchi amici dai quali magari ritiene ingiustamente di essere stato distratto! Purtroppo in questo caso la bocciatura potrà avere riflessi negativi su un intero territorio. Ma l’incredulità lascia lo spazio all’amarezza quando dall’analisi delle parole usate emerge con forza una cultura politica che identifica come nemico chi ha una valutazione diversa dalla propria. Purtroppo già prima dell’emergenza corononavirus non andava tutto bene e avanzare dei rilievi, anche utilizzando un linguaggio colorito, non può esser visto sempre come un attacco, come demagogia, come populismo o come critiche strumentali. Un buon amministratore dovrebbe avere l’umiltà di ascoltare le parole che arrivano da ogni parte, che devono sempre essere considerati suggerimenti da valutare per la scelta che poi si è chiamati a prendere. Nessun componente della orgogliosa comunità pattese può essere felice o gioire di una bocciatura, ma legittimamente si può essere preoccupati dell’operato di chi ci conduce alla bocciatura, che nel caso specifico con un po’ di attenzione poteva essere evitata. Anche noi abbiamo votato per l’istituzione dell’imposta di soggiorno chiedendo, come risulta gli atti, che le somme venissero destinate esclusivamente per finanziare interventi in materia di turismo. Ciò non è avvenuto e anche per questo motivo, invece di un posto in giunta o comodi posti in maggioranza, abbiamo deciso di intraprendere un coraggioso e impegnativo percorso da indipendenti. Nel merito dell’utilizzo delle somme dell’imposta di soggiorno è evidente che mentre un settore ha con autorevolezza e determinazione ottenuto dei risultati pur nelle difficoltà e con alcune criticità, il settore del turismo non è riuscito ad oggi a realizzare alcunché di concreto con i € 58.000,00 impegnati per la candidatura alla Bandiera Blu 2020. Sempre nel merito ci risulta incomprensibile come la scelta di candidare alla Bandiera Blu 2020, e quindi di affrontare degli importanti interventi, sia ricaduta sulla spiaggia – di fatto privata o comunque di non facile accesso – di Galice e non sulla spiaggia di Marina di Patti sulla quale noi riteniamo si debba lavorare e investire in via prioritaria. Anche per questo ribadiamo la proposta, che era il cuore del nostro precedente intervento, di azzeramento dell’imposta di soggiorno non solo per il 2020 ma anche per il 2021. Questa proposta, insieme a quella già avanzata sulla viabilità del Tindari – sulla quale prendiamo atto di un primo parziale passo nella giusta direzione del nostro Sindaco – e alle tante altre già rassegnate all’Amministrazione possono essere la base di una collaborazione nell’esclusivo interesse della Città che va supportata in uno dei momenti più delicati della sua storia.

 

I Consiglieri comunali della Città di Patti

Luca Musmeci e Placido Salvo




 139 visitatori online
Articoli più visti