Lutto nel Presbiterio diocesano: padre Garito è tornato alla Casa del Padre
PDF Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Giovedì 18 Giugno 2020 09:23
Visite articolo: 720 volte

Stamattina, giovedì 18 Giugno, memoria di San Calogero, una settimana dopo la scomparsa di padre Pietro Calabrese, don Giuseppe Garito è tornato alla Casa del Padre. Da qualche settimana si trovava ricoverato presso l'Ospedale "Barone Romeo" di Patti per problemi cardiaci che, sembrava, aver superato, ma le sue condizioni ieri pomeriggio si sono aggravate. Padre Garito era nato a Patti il 3 agosto 1932; dopo la Laurea in Lettere e un periodo di insegnamento, era entrato nel Seminario Vescovile di Patti. Fu ordinato sacerdote nella Basilica Cattedrale di San Bartolomeo dall'allora Vescovo di Patti mons. Giuseppe Pullano nella solennità dei Santi Pietro e Paolo, il 29 giugno 1972. Continuò ad insegnare Lettere sia in Seminario come anche, fino al momento della pensione, all'Istituto tecnico "Ferdinando Borghese" di Patti. Ha svolto il suo ministero sacerdotale quale Vicario parrocchiale nella Chiesa di Sant'Ippolito a Patti, nella Basilica Cattedrale e, successivamente, per tantissimi anni nella Chiesa parrocchiale di Santa Caterina in Marina di Patti, sua parrocchia di origine, come anche nella comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice dove si recava a celebrare l'Eucaristia domenicale. Canonico del Capitolo Cattedrale, padre Garito da qualche anno si era ritirato presso la casa di riposo del Clero a Tindari. Padre Garito, nei suoi 48 anni di sacerdozio, non ha staccato mai gli occhi da Cristo, ha cercato di essere immagine e presenza di Lui. E lo è stato soprattutto in questi ultimi mesi, nei quali ha portato a compimento il suo sacerdozio. Con una faticosa via crucis il Signore lo ha fortemente stretto a sé, nell’esperienza della malattia. Gli ha chiesto questa “obbedienza”: diventare partecipe della sua passione. E giorno dopo giorno, con il passare delle settimane, padre Garito gli ha detto ancora il proprio “eccomi”, proprio alla vigilia della solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù e Giornata Mondiale della Santificazione Sacerdotale e ricordo quando ripeteva: "nella Messa il cuore del prete diventa immenso come il cuore di Dio”. L’ultima sfida, forse la più dura da accettare, è stata quella del pensionamento definitivo, del dover lasciare la sua cara parrocchia di Patti Marina, un passo non sempre facile da accettare. In questi anni visse a Tindari una vita ritirata nella comunità della casa del Clero anziano, assistito in maniera esemplare, e visitato dai familiari, in particolare dalla sorella Rita, ma sempre tenendo vivo il suo interesse culturale, di accanito lettore e di interessato ricercatore. Affezionato abbonato al nostro giornale, fin dalla sua fondazione, lo ha seguito e sostenuto con generosità; era minuzioso nella lettura, metteva da parte il giornale (così come tutte le riviste e i libri che riempivano il suo studio) dopo averlo letto in tutte le sue parti, non mancando di compiacersi di alcuni articoli, accompagnando il commento con arguti pensieri e con le sue proverbiali battute ironiche. Con il passare dei mesi, andandolo a visitare a Tindari per recargli la copia del giornale e fermandomi a dialogare con lui nella sua stanza, ho potuto constatare che giorno dopo giorno la sua croce si faceva sempre più pesante e opprimente. Ma nel suo cuore di sacerdote, padre Garito non ha mai cessato di vivere e di sperare, tanto era grande la sua forza interiore, tanto era potente la sua volontà di vivere. Fu un uomo ancorato a Dio. La sua spiritualità non aveva fronzoli, il suo rapporto con Dio era sempre immediato e quotidiano. Non mancava mai agli appuntamenti comunitari specialmente la mattina, con la Messa concelebrata con gli altri confratelli anziani e nella recita pomeridiana del Santo Rosario. Nel ringraziare il Signore per il tempo che ha lasciato padre Garito con noi, e per quanto ha seminato nella Sua vigna, ricordiamo che la camerà ardente è allestita nella Chiesa parrocchiale di Santa Caterina in Patti Marina, dove stasera, alle ore 21, si terrà una Veglia di preghiera. I funerali di Padre Garito, presieduti dal Vescovo Guglielmo, si terranno nella Chiesa di Patti Marina venerdì 19 Giugno alle ore 16.30, solennità del Sacro Cuore di Gesù.




 123 visitatori online
Articoli più visti