Patti: quattro esponenti della minoranza consiliare chiedono maggiore sicurezza per i residenti e i turisti del borgo marinaro di Mongiove
Scritto da Giuseppe Giarrizzo   
Venerdì 10 Luglio 2020 09:21
Visite articolo: 573 volte

"Riteniamo doveroso sollecitare l’amministrazione a trovare immediate soluzioni atte a rendere più vivibile la frazione balneare di Mongiove e proponiamo sin d’ora un tavolo di concertazione con i residenti e gli operatori turistici del luogo". Lo dichiara il consigliere comunale Filippo Tripoli, autore insieme ai colleghi Cimino, Impalà e Gregorio Nardo di una mozione che ha l’obiettivo di spingere l’esecutivo pattese a predisporre l’installazione di dissuasori di velocità lungo alcune vie del borgo marinaro, realizzando contestualmente un’area ciclabile sicura.

"Mongiove – scrivono i quattro consiglieri – subisce ogni estate un importante incremento demografico dovuto al trasferimento degli stessi pattesi e all’arrivo di molti turisti che la preferiscono per la sua tranquillità. Ma il particolare tessuto urbano, caratterizzato da tipiche e strette viuzze che si innestano sulle due vie principali, necessita a nostro avviso di una più sicura segnaletica stradale atta a disincentivare l’alta velocità di quanti incoscientemente percorrono, soprattutto nelle ore notturne, la provinciale 118 e la via Grotte".

Secondo i quattro esponenti della minoranza, il Comune dovrebbe assumersi l’onere della sicurezza, attivandosi tempestivamente anche per la manutenzione e la pulizia delle strade. "La carenza di personale in forza alla Polizia municipale dovrebbe rappresentare – aggiungono gli esponenti della minoranza – un motivo in più affinché l’amministrazione intraprenda con ogni mezzo azioni atte a mantenere più sicure località come Mongiove, che da sempre rappresentano oasi di tranquillità per le famiglie".

Da qui la richiesta di installare dissuasori di velocità e apposita video sorveglianza sulle principali arterie di Mongiove, di intensificare l’illuminazione pubblica in via Grotte, di sistemare alcuni marciapiedi dissestati e di creare, con apposita segnaletica orizzontale e verticale, un percorso ciclabile che unisca la piazzetta di Grotte con la via Pasubio, la via Messina e l’incrocio con la provinciale 118, "affinché – concludono i consiglieri – la ridente località possa essere vissuta con maggiore tranquillità dai residenti, dai turisti e da quanti decidano di fare una passeggiata in bicicletta da queste parti".




 142 visitatori online
Articoli più visti
IN EDICOLA

 
Preghiera
nel tempo del
Coronavirus

 

 

   INTERVISTA ESCLUSIVA

A MONS. GUGLIELMO GIOMBANCO

Vescovo di Patti

CLICCA SULLA FOTO