Patti: la nostra comunità piange la scomparsa di Carla Sidoti
PDF Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Mercoledì 10 Febbraio 2021 10:45
Visite articolo: 1904 volte

Ieri mattina, proprio 24 ore fa, la carissima Carla Sidoti ha concluso la sua esistenza terrena presso l'ospedale “Papardo” di Messina, dove si trovava ricoverata da alcune settimane a causa del covid-19 che aveva contratto alla fine dell'anno. Se il volto è lo specchio dell'anima, quello di Carla lo esprimeva pienamente, irradiando serenità e gioia di vivere. Il suo volto disteso e sorridente, la sua parola pacata e rassicurante, condita dalla preghiera e il suo donarsi senza riserve esprimeva una vita donata con gioia. Carla è stata un'autentica testimone dei valori evangelici vissuti nella semplicità e nella serietà dell'impegno quotidiano. Chi ha condiviso con lei tratti di vita, ne ha apprezzato la positività del carattere, la fedeltà nell'amicizia, lo spirito di servizio, la passione evangelica, la fede nella capacità dei mezzi di comunicazione sociale di veicolare messaggi cristiani e proprio per questa sua passione nel 1992 era entrata a far parte della famiglia redazionale del nostro giornale. Incontrare, conversare con Carla, durante gli incontri, le riunioni, i momenti di spiritualità e di fraternità, trasmetteva serenità. Nel dicembre 1996, per problemi di salute, lasciò l'incarico attivo di consigliere di redazione ma continuò ad essere “l'anima orante del giornale”; questa la sua espressione contenuta nella lettera con la quale comunicava la decisione di lasciare la redazione. Veramente in questi ultimi 24 anni Carla è stata non solo l'anima orante del nostro giornale ma anche lo strumento per la diffusione del nostro periodico, presentando nuovi abbonamenti, promuovendo l'attività editoriale attraverso le sue numerose amicizie, sostenendo con la preghiera e le offerte il giornale “In Cammino”. «Carla è stata anche il primo membro dell’Associazione dei Cenacoli del Bell’Amore ed è stata la prima a “fare il suo impegno” da laica consacrata e nella sua “normale quotidianità” ha cercato di sintonizzarsi sull’Amore, di esserne segno nel suo ambiente, con e in Maria; questo Amore ricercato e vissuto non è rimasto senza effetto. L’Amore, che è Dio, trasfigura gli ambienti in cui viviamo, rende belle e significative le relazioni tra persone, realtà, istituzioni; tante le iniziative di comunione promosse da Carla in questi anni, tanti i legami e le relazioni germogliate e coltivate nella sua vita»; così l'hanno ricordata le Suore del Bell'Amore, comunicandone la scomparsa. “In questi mesi, per Carla, alle prese con il coronavirus che le ha tolto il respiro, è arrivato il momento di lasciarsi amare dal suo Cenacolo anzitutto, dove sia laici che sacerdoti si sono prodigati fattivamente, da tutta la famiglia del Bell’Amore che l’ha sostenuta con la preghiera unanime, dalle suore che soprattutto attraverso la comunità più vicina hanno cercato di raggiungerla in qualche modo per il necessario”. Carla è stata altresì una delle promotrici dell'Adorazione Eucaristica continua che si svolge quotidianamente a Patti nella Chiesa di Santa Rosa; “l’adorazione è importante – diceva sempre Carla - perché Gesù è il nostro compagno di viaggio, di giorno, di notte, in ogni momento della nostra vita. Diffondere la possibilità di stare davanti a Lui e così riprendere forza, coraggio, entusiasmo per affrontare tutto quello che ci capita, penso sia l’opera più bella”.Nella sua vita lei si è lasciata modellare da Gesù Cristo, e quando il frutto della sua “vita donata” è arrivata a maturazione, è stato colto dal “padrone della messe” per portarla nel cielo da dove continuerà ad essere una presenza invisibile, ma vera. Così noi la vogliamo ricordare e così, penso, la ricorderanno le tante persone che l'hanno conosciuta e le hanno voluto bene.

Stasera, dopo le ore 18.30, il feretro arriverà nella Chiesa di San Nicolò di Bari in Patti, sua parrocchia, dove alle ore 19 si svolgerà una veglia di preghiera e dove domani, giovedì 11 febbraio, Giornata Mondiale del Malato e memoria della Madonna di Lourdes (verso la quale Carla nutriva una profonda devozione mariana) alle ore 15,30 sarà celebrata la Santa Messa esequiale.

Nessuna descrizione della foto disponibile.




 181 visitatori online
Articoli più visti