Giornata Mondiale della Prematurità: il neonato al centro del futuro
Stampa
Scritto da Redazione   
Mercoledì 17 Novembre 2021 09:17
Visite articolo: 233 volte

Ogni anno nascono nel mondo circa 15 milioni di neonati prematuri, cioè prima della 37ª settimana di gestazione, in Italia oltre 30.000, il 6,9% delle nascite, tasso che con la pandemia è aumentato all’11,2% nei parti da donne con infezione da Sars-Cov-2 (Registro Covid SIN).
Il 17 novembre, come ogni anno, si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità. Il tema della campagna di quest’anno è Zero separation, “Agiamo adesso. Non separare i neonati prematuri dai loro genitori”, promossa dalla European Foundation for the Care of Newborn Infants (EFCNI), per continuare a difendere il ruolo prioritario di mamma e papà, ancor di più in periodo Covid.
In occasione della Giornata, la Società Italiana di Neonatologia (SIN) evidenzia alcuni importanti punti e mette in campo iniziative legate alla prematurità: l’impatto della pandemia sull’assistenza in Terapia Intensiva Neonatale (TIN); l’importanza della donazione del latte materno per i neonati prematuri; il ruolo del Follow-up dei neonati pretermine; gli Standard, per cure neonatali eque e di elevata qualità per tutti; la consueta illuminazione di viola di monumenti ed ospedali; i cuori viola della Prematurità, distribuiti quest’anno ai medici e agli infermieri delle TIN di tutta Italia e una diretta Facebook, dove mamme e papà potranno fare domande “live” ed avere risposta a tutti i loro dubbi e preoccupazioni. Anche quest’anno la SIN insieme a Vivere Onlus ha rinnovato l’invito ai Sindaci e alle amministrazioni comunali di tutta Italia per far illuminare di viola, colore simbolo della prematurità, i monumenti più rappresentativi nelle diverse città. A Patti è stato illuminato di viola il campanile della Basilica Cattedrale di San Bartolomeo (foto in basso). Nonostante il difficile momento storico che l’intero Paese sta attraversando a causa della pandemia, l’adesione all'inizativa è fortissima e può contare, come gli anni scorsi, anche sulla partecipazione delle tantissime TIN ed associazioni di genitori che operano su tutto il territorio nazionale. Il 17 novembre sarà un giorno in cui le regioni si uniranno in un abbraccio solidale “virtuale” sotto un solo colore: il viola della prematurità.


 

 




 121 visitatori online
Articoli più visti