Patti: violenza sulle donne, l’Arma nelle scuole
Stampa
Scritto da Gabriele Villa   
Venerdì 26 Novembre 2021 15:38
Visite articolo: 252 volte

E’ sempre maggiore l’impegno l’Arma dei Carabinieri mette in campo nel contrasto ai fenomeni legati alla violenza sessuale e di genere.

Ieri, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Compagnia di Patti, diretta dal Tenete Colonnello Salvatore Pascariello è stata presente nelle scuole per sensibilizzare i giovani e manifestare l’impegno nei confronti di tutte le donne, ed in particolare quelle che vivono momenti di difficoltà, a comprendere che il primo passo per tornare libere dalle violenze è quello di denunciare.

Due gli incontri che si sono svolti. Uno a Patti presso l’IIS “Borghese – Faranda” e l’altro presso l’alberghiero di Brolo.

Presso l’istituto pattese erano presenti il tenente colonnello Pascariello ed il luogotenete Antonino Bonarrigo, comandante della stazione carabinieri di Patti. I militari hanno spiegato agli studenti l’importanza della giornata e i motivi che hanno portato alla nascita di questa ricorrenza. Hanno fatto un excursus sull’evoluzione normativa ed evidenziato come il tema della tutela delle vittime di violenza di genere rappresenti un setore strategico nel’ambito delle politiche di prevenzione e contrasto poste in essere dall’Arma.

Da diversi anni è attiva una “Task Force” specializzata che svolge un lavoro fondamentale portando alla luce diversi episodi di violenza. L’opera condotta dai militari dell’Arma serve anche a fornire sicurezza alle vittime che, così sono incentivate a denunciare. Quello della violenza in famiglia e dello stalking è un fenomeno sempre più diffuso e che i le fiamme argento, sia a livello provinciale, che nello specifico nel territorio di Patti, stanno cercando di arginare anche se con notevole difficoltà. Infatti spesso le vittime non denunciano per paura o per vergogna. Ma l’azione delle fiamme argento sta portando ad ottimi risultati. Per questo le forze dell’ordine invitano le donne che subiscono violenza a denunciare perché solo così facendo possono ottenere tutte le forme di tutela previste dalla normativa vigente e trovare un aiuto valido ed il supporto necessario in queste circostanze.




 159 visitatori online
Articoli più visti