Patti: la parrocchia del Sacro Cuore festeggia 50 anni e inizia il Giubileo Parrocchiale
Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Domenica 28 Novembre 2021 08:10
Visite articolo: 1081 volte

Il Santo Padre Francesco, per il tramite della Penitenzieria Apostolica, ha concesso un Giubileo Straordinario in occasione del 50° anniversario dell'apertura al culto della Chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù nel corso Matteotti a Patti. Il Rito di apertura inizierà oggi, 28 Novembre, Prima Domenica di Avvento, alle ore 17.30 e sarà presieduto dal Parroco don Giuseppe Di Martino; al rito saranno presenti le autorità civili e militari della nostra città ed il popolo santo di Dio che si raduneranno davanti alla Porta del Sacro Tempio. Dopo il saluto liturgico e l'introduzione il Vicario parrocchiale don Giuseppe Lombardo proclamerà l'Anno di Grazia del Signore con la lettura del Vangelo secondo Luca (4, 14-21); quindi il Celebrante compirà il gesto dell'apertura della porta pensando a quante persone, in questi cinquanta anni, hanno varcato la soglia della Chiesa; la porta simboleggia il cuore squarciato di Cristo, al quale la Chiesa è intitolata per volere del Vescovo del tempo, mons. Giuseppe Pullano, e per interessamento del Canonico Antonino Travaglianti che tanto si adoperò in prima persona per l'edificazione. I canti saranno eseguiti dal Coro parrocchiale con la presenza del duo di ottoni che accompagneranno la Celebrazione Eucaristica. Tutta la città è invitata a pregare per la comunità parrocchiale del Sacro Cuore perchè l'anno di grazia che si apre, possa essere per tutti occasione di rinnovamento spirituale e di profonda adesione a Cristo, Maestro e Signore. L’anno giubilare, durante il quale viene concesso il dono speciale dell’indulgenza plenaria,si concluderà il 4 dicembre 2022. Durante l’anno giubilare, numerose saranno le iniziative e gli eventi spirituali, pastorali e di evangelizzazione che vivremo in questa chiesa, e in ogni occasione sarà sempre possibile ottenere il dono dell’indulgenza. "Celebrare il  Giubileo non significa preparare grandi eventi e grandi manifestazioni - sottolinea il parroco - ma celebrare il giubileo significa anzitutto convertirsi. Anche per noi quindi, Giubileo significa chiedere al Signore che ci dia il dono della conversione, del perdono reciproco, dell’unità, della pace per la nostra comunità e le altre comunità della nostra città, in modo da non sciupare il tempo particolare di misericordia che il Signore ci offre".




 120 visitatori online
Articoli più visti