Patti: oggi i fedeli si ritroveranno all'Acquasanta per ringraziare Santa Febronia, patrona della città
Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Giovedì 02 Luglio 2020 11:10
Visite articolo: 493 volte

Il 2 luglio di 360 anni fa la campana della chiesetta del quartiere Polline, a Patti, suonò a distesa, spontaneamente, per avvertire i pattesi di un grave pericolo incombente: Ascanio Anzalone, che aveva comprato la città dall'esoso governo spagnolo come feudo, veniva ad occuparla a tradimento. 

I cittadini accorsero alle armi immediatamente, impedirono l'accesso al neo-feudatario, subirono un assedio, ma non cedettero. Venuti a Patti, risarcirono con grandi sacrifici l'Anzalone, fondendo in quella circostanza anche i calici delle chiese.  

Patti scrisse in quella circostanza una bella pagina di storia e per la riconoscenza, la vergine e martire Febronia fu proclamata principale protettrice della città.

Per ricordare tale avvenimento, oggi, giovedì 2 luglio, i fedeli e i devoti della santa patrona si recheranno ognuno per conto proprio e non con il pellegrinaggio comunitario a piedi a causa delle restizioni anti Covid-19,al santuario di santa Febronia di contrada Acquasanta nel comune di Gioiosa Marea, dove Febronia fu battezzata dal vescovo sant'Agatone. Alle ore 20, nello spiazzale antistante il Santuario, sarà celebrata la Santa Messa con i distanziamenti previsti dalle norme.