Basket: lo Sport È Cultura Patti sconfigge lo Sport Club Gravina per 96-57
Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 11 Aprile 2016 16:10
Visite articolo: 1294 volte

Finalmente playoff, è ufficiale! Con un margine che non lascia spazio a interpretazioni sulla gara, lo Sport È Cultura Patti raggiunge matematicamente la postseason battendo 57-96 lo Sport Club Gravina di coach Marchesano che festeggia ugualmente la salvezza. La squadra di coach Pippo Sidoti accede alla seconda fase interregionale e raggiunge Agropoli (prima nel girone campano) nel girone D che, per essere completato, è in attesa della seconda classificata pugliese e la prima calabrese.
Lo Sport È Cultura parte con 
Giorgio Busco, Custis, Bolletta, Costantino eSaintilus. Gravina risponde con Verze, La Mantia, Barbera, Ilìc e Consoli. Match che già dalle prime battute lascia presagire il film dell’incontro, con Patti che comincia a difendere subito forte e a trovare degli ottimi tiri sia in transizione che a difesa schierata. Il primo parziale è già di quelli importanti, dopo 10 minuti il risultato è 15-26 mentre, nella seconda frazione, la partita dura pochissimo. Custis è immarcabile e Gravina non riesce a contenere in difesa né lui né a rimbalzo Bolletta, Costantino. Con un parziale di 14-33 nel secondo quarto, Saintilus e compagni vanno al riposo lungo con un +30 più che rassicurante (29-59). Al rientro le cose non cambiano, i ritmi si abbassano, la partita è già conclusa e c’è spazio per i ragazzi più giovani come Sidoti, Marabello, Mazzullo e Ettaro. Dopo il terzo quarto il tabellone dice 43-78 e nel finale di gara c’è spazio per tutti, fra sorrisi e abbracci sia di Patti che di Gravina, entrambe soddisfatti rispettivamente dei risultati raggiunti.
Un progetto cominciato due anni fa, l’anno scorso sfiorando i playoff, quest’anno raggiungendoli con una giornata d’anticipo. Una pallacanestro fatta di concetti, giochi e letture e non frutto dell’improvvisazione. Le vittorie con tutte le squadre più forti del girone non si ottengono per caso. Il lavoro ripaga e questo coach Sidoti lo sa bene, ma anche il settore giovanile ha regalato gioie a tutto lo staff. La crescita dei ragazzi è stato l’obiettivo prefissato e proclamato ad inizio stagione. La “mission” societaria ha visto protagonisti tanti pattesi, protagonisti anche loro di un campionato di vertice come quello della C Silver: da 
Nino Sidoti (play titolare, infortunatosi nella prima metà di stagione) a Bolletta, dai fratelli Busco ad Alessandro Sidoti, Ettaro, Anzà, Marabello, Mazzullo. Il ritorno di Peppe Costantino, leader carismatico e tecnico del gruppo, la scelta del duo americano Custis-Saintilus, che poi si è rivelato il migliore in termini di rendimento della regular season, ha regalato entusiasmo a tutto l’ambiente, soprattutto con giocate spettacolari sotto gli occhi del pubblico che, col tempo e le vittorie, è accorso sempre più numeroso al PalaSerranò. Ora inizia un’altra bella avventura con la postseason strutturata inizialmente con un mini girone contro 3 squadre del sud Italia: la prima classificata calabrese (probabilmente la Vis Reggio Calabria, vincitrice in gara 1 contro Val Gallico), Agropoli (prima nel girone campano) e la seconda classificata nel girone pugliese (probabilmente Veste o Cerignola). Un grosso plauso va anche al preparatore atletico Franco Pichilli, fondamentale il suo lavoro e la sua professionalità, l’assistente allenatore Roberto Gugliotta e Giovanni “Johnny” Cafarelli, secondo assistente e responsabile del settore giovanile. L’entusiasmo è alle stelle e la squadra è focalizzata già ai playoff, nonostante l’ultima partita ancora da giocare domenica 17 aprile alle ore 18:30 in casa contro la Studentesca Licata. Un match importante per coach Sidoti e non solo per difendere un’imbattibilità casalinga durata un’intera stagione, ma anche per provare nuove soluzioni tattiche in vista della seconda fase.

Tabellini: 57-96 (15-26 / 14-33 / 14-19 / 14-18)

Sport Club Gravina: La Mantia 7, Barbera 3, Verzì 13, Paglia, Spina 8, Ilic 12, Genovesi n.e., Livera 8, Consoli 6.  all. Giuseppe Marchesano

Sport È Cultura Patti: Custis 43, Saintilus 15, Bolletta 9, Ettaro 5, Busco G. 5, Busco M. 8, Costantino 2, Sidoti Ale 9, Marabello, Mazzullo, Lumia n.e.  all. Pippo Sidoti