NOTIZIE DI CRONACA
Messina: infortuni nei cantieri edili, a Palazzo dei Leoni incontro tra il Comitato Paritetico Territoriale e i tecnici della Città Metropolitana PDF Stampa
Scritto da Comunicato Stampa   
Venerdì 16 Novembre 2018 12:36

Si è svolto, nella Sala Consiliare di Palazzo dei Leoni, l'incontro tra il CPT “Comitato Paritetico Territoriale” di Messina, Organismo Paritetico per l'Edilizia e tutto il personale di qualifica tecnica della Città Metropolitana di Messina.
Nel corso della riunione, organizzata dagli Uffici della Sicurezza e Prevenzione dell'Ente e promossa per aggiornare il personale sull'introduzione dei nuovi obblighi in materia di notifica preliminare, i rappresentanti del CPT, Giuseppe Moroso e Fausto Buttà, hanno illustrato il nuovo quadro di azione che si sta sviluppando, sia a livello nazionale che a livello territoriale, per aggredire il fenomeno degli infortuni nei cantieri edili e che coinvolge direttamente gli uffici della Prefettura.
Già nel luglio scorso il Prefetto di Messina, dott.ssa Maria Carmela Librizzi, ha avviato un confronto con tutte le parti sociali, coinvolgendo tra l'altro gli Organi di Vigilanza e gli Organismi Paritetici, e chiedendo il supporto delle Polizie Locali nella vigilanza sui cantieri edili. Questa azione è proceduta con più incontri tra i soggetti protagonisti della sicurezza e ha coinvolto la Città Metropolitana di Messina e il Cpt che, nell'ambito dell'applicazione della L.R. 20/2007, hanno attivato una convenzione per la formazione, l'informazione e la consulenza tecnica in tutti cantieri di committenza pubblica.
Proprio questa convenzione, di recente rinnovata, è stata adeguata alla normativa regionale, prevedendo l'attivazione anche di formazione professionale nei confronti del personale tecnico impegnato nei cantieri edili dell'Ente. L'illustrazione delle ulteriori azioni in materia di formazione ha riscosso grandissimo interesse tra il personale tecnico presente per gli importanti riflessi, in materia di qualificazione e di ammodernamento dell'organizzazione, che ne deriva dalla sua realizzazione.
Al termine della mattinata, il Segretario del Cpt Giuseppe Moroso ha ringraziato i partecipanti per l'attenzione e per le numerose domande che hanno consentito di chiarire molti aspetti nell'ambito della sicurezza dei cantieri edili, invitando gli stessi a non abbassare mai la guardia e rendere sempre alta la vigilanza e la sorveglianza.

Premio Internazionale di Poesia “Rosario Angelo Livatino” - anno 2019, entro il 31 dicembre invio degli elaborati PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 16 Novembre 2018 09:04

Il 21 Marzo si celebrerà la Giornata Mondiale della Poesia, istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco del 1999. Essa rappresenta l’incontro tra le diverse forme della creatività e guarda all’arte poetica come ad un luogo fondante con la memoria. Proprio per rendere omaggio all’arte poetica e alla memoria della nobile figura del giudice Rosario Angelo Livatino, il poeta e scrittore Rosario La Greca, di Brolo, indice e organizza il Premio Internazionale di Poesia “Rosario Angelo Livatino” - anno 2019 -.
“Il premio, per scelta, - sottolinea La Greca - non gode di nessun contributo pubblico e privato; si avvale del Patrocinio Morale dell’Accademia Città di Udine e dell’Universal Peace Federation (Federazione Internazionale per la Pace)”. Sarà articolato in 2 sezioni:

Sezione A: Poesia in lingua italiana; Sezione B: Poesia in lingua italiana avente come tema: la legalità, la libertà e la giustizia, valori portati avanti con vigore e coerenza, fino all’estremo sacrificio, dal giudice Livatino.

La partecipazione al premio – con una sola poesia, edita o inedita, - è gratuita. Possono partecipare tutti i poeti che abbiano compiuto il 18° anno di età.

Gli elaborati, accompagnati dalla scheda di partecipazione e da un breve curriculum, dovranno essere spediti all’indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , entro il 31 Dicembre 2018, esclusivamente in formato word.

Le opere saranno giudicate da una giuria presieduta dal fondatore e presidente del Premio, Rosario La Greca, e composta da qualificati esperti. Saranno premiati i primi tre classificati; sono previsti anche menzioni d’onore ad autori di opere ritenute meritevoli, e tre riconoscimenti internazionali per personalità che si sono distinte nel campo della cultura, della legalità e della musica. Inoltre, il presidente della giuria conferirà un Premio Speciale nell’ambito dell’informazione.

Per richiedere il bando e la scheda di partecipazione, bisogna inviare una meil all’indirizzo di posta elettronica

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Patti: Asilo Nido comunale, approvato il progetto per gli obiettivi di servizi per l’anno educativo 2019/2020 PDF Stampa
Scritto da Nicola Arrigo   
Giovedì 15 Novembre 2018 13:47

È stato approvato dalla giunta municipale di Patti, il progetto, dell’importo di 147.924,48 euro, che prevede “il rilancio del Piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio – educativi per la prima infanzia”, finalizzato al raggiungimento di determinati obiettivi di servizi per l’anno educativo – Asilo Nido comunale – 2019/2020. Nello stesso tempo il legale rappresentante del comune è stato autorizzato di inoltrare l’istanza all’Assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro per la concessione del contributo straordinario secondo la linea di intervento tipologia “B” dell’avviso pubblico del predetto Assessorato. Il contributo serve per il sostegno della spesa per la gestione ordinaria del servizio di Asilo Nido comunale “Marilena Faranda”, finalizzato alla riduzione delle rette a carico delle famiglie dei bambini iscritti e per quella derivante dall’apertura del nuovo servizio di Nido o Micro Nido comunale o della implementazione di uno esistente. L’Asilo Nido comunale “Marilena Faranda”, a suo tempo, disponeva di tutto il personale necessario per coprire la domanda del servizio per 60 bambini della fascia di età 0 – 3 anni ma, allo stato, a seguito di pensionamenti, cessazioni del servizio, mutamenti di mansioni e mancanza di turnover, non può far fronte a tutte le richieste per cui non è più possibile garantire il servizio; per questo si determinerà una lista di attesa nella misura di trenta bambini, vale a dire del cinquanta per cento previsto. Il progetto approvato mira, appunto, ad ottenere la concessione del contributo straordinario secondo la linea di intervento della tipologia “B” del citato avviso, per la riduzione del costo del servizio a titolarità pubblica comunale erogato dall’Asilo Nido “Marilena Faranda” per l’implementazione del servizio esistente con riferimento all’incremento del numero degli utenti e alla riduzione della lista di attesa per l’anno educativo 2019/2020.

 

Patti: continua la copiosa perdita di acqua, nonostante nove interventi in 6 mesi e le proteste dei cittadini PDF Stampa
Scritto da Nicola Arrigo   
Giovedì 15 Novembre 2018 13:10

Da oltre sei mesi, nel tratto di acquedotto sottostante la via Pertini, che congiunge la contrada San Giovanni con Case Nuove Russo, si registra una copiosa perdita di acqua, a causa della rottura della conduttura. Finora – e non è una novità, purtroppo, - gli interventi del comune sono risultati inefficaci; anzi, la situazione è addirittura peggiorata e l’acqua continua ad uscire incessantemente, costituendo un pericolo per la sede stradale. Ovviamente, non sono pochi i disagi e i danni ai terreni e alle case della zona, interessati dal deflusso delle acque, con pericolosissimi allagamenti ai pozzetti dell’Enel e della pubblica illuminazione. Proprio per questo una settantina di cittadini hanno presentato al comune una raccolta di firme, regolarmente protocollata, chiedendo un intervento urgente, con cui procedere alla sostituzione della condotta idrica, ormai vecchia e mal funzionante. Evidentemente, però, la nota è finita nei meandri dei “cassetti” perché finora non ha sortito alcun effetto. Nel recente passato, sulla questione erano intervenuti, con una interrogazione al sindaco, i consiglieri comunali Giacomo Prinzi e Giovanni Di Santo, particolarmente attenti, da sempre, a simili problematiche, suggerendo di realizzare un by pass, in considerazione del fatto che i nove interventi effettuati – dicasi nove – non hanno per nulla risolto il problema.”Non abbiamo ottenuto – sottolineano i due consiglieri – alcuna risposta”.

Patti: strade cittadine abbandonate, il consigliere Tripoli presenta un'interrogazione al sindaco PDF Stampa
Scritto da Nicola Arrigo   
Giovedì 15 Novembre 2018 12:25

Col passare dei giorni diventa sempre più pericolosa per i mezzi in transito la strada all’incrocio tra le vie Sant’Antonino e Fontanelle (nella foto), importante snodo viario cittadino, attraversato quotidianamente, non senza rischi, da tantissimi mezzi, compresi scuolabus e furgoni. Ciò ha spinto il capogruppo di “Patti Futura” in consiglio comunale Filippo Tripoli a presentare un’interrogazione al sindaco Mauro Aquino, all’assessore Marco Scardino, al dirigente dell’Ufficio Tecnico Michele Gatto e al segretario generale, in cui evidenzia, in premessa, l’importanza della strada in questione “che – aggiunge – nei prossimi giorni assumerà ulteriore importanza a seguito dell’apertura della nuova strada di collegamento tra il quartiere Santospirito e via Sant’Antonino”.Tripoli pone l’accento sulla “situazione di degrado e di evidente dissesto del manto stradale, che si protrae ormai da mesi”. “L’eventuale chiusura del tratto stradale in questione – prosegue Tripoli – qualora la situazione dovesse peggiorare, comporterebbe gravi disagi per la viabilità cittadina”. Pertanto, Tripoli chiede “come si intenda, in tempi brevi, intervenire per l’immediata soluzione del problema”. Un intervento che – aggiungiamo noi – dovrebbe essere risolutivo, considerato che, nel tempo, sono stati effettuati diversi “rattoppi” che, ovviamente, non hanno sortito alcun effetto, per cui permane la situazione di precarietà e di pericolo. “Sono tante – commenta Tripoli – le strade cittadine abbandonate, strade che, nei mesi scorsi, sono state oggetto di interventi di sotto servizi. Da quel momento, però, si è registrata la totale assenza di manutenzione e ciò ha causato lo stato di degrado in cui oggi versano. Sarebbe il caso che l’Ufficio Tecnico Comunale provvedesse a realizzare un monitoraggio delle strade cittadine, istituendo un elenco degli interventi da porre in essere”.

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2127
 183 visitatori online
Articoli più visti