NOTIZIE DI POLITICA
Patti: si va verso il quinto assessore? PDF Stampa
Scritto da Gabriele Villa   
Martedì 09 Aprile 2019 11:57

Sono trascorsi quasi due mesi dalle dimissioni presentate dall’ex assessore al turismo Ignazio Lipari e, a pochi giorni dalla Pasqua, ancora non si hanno notizie sul nome del suo successore.

Il toto assessore, però, in queste settimane non ha mancato di far circolare diverse ipotesi anche se quella più accreditata è sempre stata quella relativa al possibile ritorno in Giunta di Fabio Longo.

In assenza di notizie ufficiali da Palazzo dell’Aquila proviamo a fare delle ipotesi su quello che potrebbe accadere nelle prossime settimane, forse chissà, proprio per Pasqua.

La prima possibile soluzione all’empasse politico è proprio la nomina dell’imprenditore Fabio Longo che, però, al momento sembra aver preso tempo. Tale strada, percorribile senza toccare i già instabili equilibri all’interno della maggioranza di Governo, però, col passare del tempo, perde consistenza anche se appare l’unica indolore.

Una seconda ipotesi riguarda la sostituzione di due assessori in giunta. Oltre al dimissionario Ignazio Lipari, a rischio ci sarebbe Valentina Campana.

La terza ipotesi, quella che però non potrebbe rappresentare una soluzione a brevissimo termine, è quella di un azzeramento della giunta e la nomina del quinto assessore.

Tale ipotesi porterebbe ad una possibile rivisitazione dell’assetto dell’esecutivo in modo da poter concedere ad ogni singola forza politica un posto nell’esecutivo oltre alla riconferma dell’attuale vicesindaco Alessia Bonanno.

Questa soluzione appare la più plausibile anche se non immediatamente percorribile e, con molta probabilità, vedrebbe sempre la revoca alla sola Valentina Campana unico assessore a non avere rappresentanza nel civico consesso e la riconferma di Marco Scardino in quota a “Diventerà Bellissima”

La norma recentemente approvata dalla Regione Siciliana prevede la possibilità per gli Enti locali di stabilire liberamente il numero di assessori entro i limiti previsti dalla legge che per i Comuni come Patti è di massimo 5. Sembrerebbe che il sindaco possa nominare sin da subito il quinto assessore, ma si dovrà attendere ancora qualche settimana prima della conferma definitiva da Palermo. E se così sarà la strada quasi certa porterà ad avere una poltrona in più nella giunta municipale.

Patti: i consiglieri Musmeci e Salvo spiegano il loro voto contrario alla proposta di aumentare la tassa sui rifiuti PDF Stampa
Scritto da Comunicato Stampa   
Giovedì 04 Aprile 2019 09:54

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dei consiglieri comunali Luca Musmeci e Placido Salvo in cui vengono spiegate le motivazioni del loro voto contrario alla proposta di aumentare la tassa sui rifiuti.

Riteniamo di intervenire nel dibattito scaturito dalla bocciatura del piano finanziaria TARI per chiarire alcuni aspetti. In primo luogo ribadiamo che il nostro operato continuerà, come è stato sin oggi, in coerenza con gli impegni assunti con la Città di Patti e con l’obiettivo di rafforzare i principi di buon andamento, di trasparenza, di efficacia e efficienza della macchina amministrativa.
Il nostro voto, che ha contribuito ad evitare l’aumento delle tasse, deve essere uno stimolo per dare nuovo slancio all’azione dell’esecutivo. Ringraziamo il Sindaco il quale, da tempo ben conscio delle nostre idee, ha
avuto la correttezza di definire la nostra posizione “ideologica”. E’ proprio così, noi abbiamo votato forti dei nostri principi!
Uno di questi è quello secondo il quale per creare benessere e crescita la pressione fiscale nel suo complesso deve diminuire. In termini più espressi, soprattutto oggi, noi riteniamo che non si possono mettere le mani in tasca ai cittadini! Dobbiamo stare vicino ai nostri concittadini, i quali non avrebbero compreso un aumento della tassa sui rifiuti nonostante che con il loro impegno abbiano consentito il raggiungimento di una importante percentuale di differenziata. Evidenziamo che l’ulteriore auspicabile aumento delle percentuali di differenziata, obiettivo che dobbiamo perseguire con forza, diminuirebbe tra l’altro l’importo preventivato per il conferimento in discarica, che, unitamente alla maggiore diffusione dell’attività di compostaggio domestico e di comunità e alla rimodulazione di altre voci, consentirebbe di dare copertura integrale al servizio. Pertanto, sul paventato rischio di un taglio dei servizi ad oggi resi ai cittadini siamo certi che le capacità e la bravura dell’Amministrazione consentiranno di scongiurarlo. Anche sotto tale aspetto ribadiamo, come sempre, la nostra piena disponibilità a collaborare nel rispetto dei rispettivi ruoli e sin d’ora chiariamo che il nostro obiettivo, che speriamo possa essere condiviso, è quello di istituire “l’imposta puntuale sui rifiuti”, ovvero ognuno deve pagare per quello che realmente produce!
Speriamo che tale impostazione possa essere oggetto di approfondimenti in serene riunioni che non siano solo occasione di mere rivendicazioni di poltrone."

Luca Musmeci e Placido Salvo, consiglieri comunali della Città di Patti.

Patti: in consiglio non passa l’aumento della Tari PDF Stampa
Scritto da Gabriele Villa   
Venerdì 29 Marzo 2019 19:50

Dopo un acceso dibattito in aula il consiglio comunale di Patti boccia l’aumento della Tari portato in aula dal sindaco Mauro Aquino. A votare a favore sono stati i consiglieri di maggioranza Nicola Molica, Giusy Cannata, Giovanni Franchina, Cesare Messina, Francesco Arrigo, Enza Stroscio, Melina Virzì. Contraria si è espressa l’opposizione con Filippo Tripoli, Natalia Cimino, Giacomo Prinzi, Mariella Gregorio Nardo, Giovanni Di Santo, Federico Impalà. Decisivi i voti dei consiglieri di maggioranza Luca Musmeci e Placido Salvo che si sono espressi contro l’aumento delle tasse a carico dei cittadini. “Siamo contro l’aumento delle imposte a carico dei cittadini – hanno affermato. Coerentemente con il nostro pensiero ci siamo espressi in maniera negativa alle nuove tariffe proposte dall’amministrazione”. Adesso si aprirà sicuramente una nuova pagina politica considerando che la maggioranza ha dimostrato di non essere più coesa come ad inizio sindacatura e che, anche all’interno di alcuni gruppi, le posizioni si sono mostrate divergenti.

Patti: il Consiglio comunale rinviato ad oggi pomeriggio per mancanza del numero legale, slitta l’aumento Tari PDF Stampa
Scritto da Gabriele Villa   
Venerdì 29 Marzo 2019 09:46

Si attendeva il voto sul piano tari per capire a quanto sarebbe ammontato l’aumento a carico dei cittadini sulle fatture della spazzatura. L’assise, dopo aver discusso alcune nozioni della minoranza, si è impantanata sul piano di rientro dal disavanzo. Venuto meno il numero legale la seduta è stata rinviata ad oggi, venerdì 29 Marzo, alle ore 16.

Per quanto riguarda i primi numeri emersi sul piano tari dalla proposta di delibera avanzata dall’amministrazione Aquino si è appreso che il piano finanziario per il 2029 ammonta a 2.066.670,94 euro. C’è un aumento di circa 320mila euro rispetto al piano approvato nel 2018 che era di 1.743.618,40 euro.

 

Il servizio di spazzamento, raccolta e conferimento in discarica dei rifiuti è gestito dalla RTI Pizzo Pippo – Onorafo Antonino srl che ha vinto la gara d’appalto per sette anni per l’importo di 969.182,55 euro.Ma su richiesta dell’amministrazione la ditta effettua un servizio differente per alcune tipologie di utenze rispetto al piano originario con costi che sono lievitati sino ad un totale di 1.424.758,10. Se da un lato aumentano i costi del servizio originariamente previsti dall’altro si è registrato un abbassamento dei costi per il conferimento in discarica. La previsione, per il 2019, è pari a 510mila euro per i 12 mesi a fronte della somma spesa nel 2018 di 669.710,21 euro con un risparmio stimato di 159.710,21 euro. Ma i costi in più sono maggiori dei risparmi ottenuti così da dover portare ad un aumento della tariffa a carica dei contribuenti. Per diventare effettivi gli aumenti devono essere approvati dal civico consesso.

Patti: oggi alle 16 si riunisce il Consiglio Comunale PDF Stampa
Scritto da Giancarlo D'Amico   
Giovedì 28 Marzo 2019 09:23

Si riunisce oggi, giovedì 28 marzo, alle ore 16, il consiglio comunale di Patti. L’assise è stata convocata in seduta ordinaria dal presidente Nicola Molica. Sono 14 i punti all’ordine del giorno. Tra questi spicca il piano di rientro del disavanzo su proposta del sindaco Mauro Aquino. Nella predetta riunione saranno trattati i seguenti argomenti:

  1. Art. 4 del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 02/04/2015 ed art. 188 del D. Lgs 267/00 e s.m.i. – Piano di Rientro del disavanzo (su proposta del Sindaco);

  2. Piano Finanziario Tari anno 2019 – Approvazione tariffe (su proposta del Sindaco);

  3. Variazioni al bilancio di previsione durante l’esercizio finanziario ai sensi dell’art. 175 del D.Lgs 267/00 (su proposta del Sindaco);

  4. Completamento dei fabbricati e delle opere di urbanizzazione primaria afferenti comparto “E” del Piano di Lottizzazione Patti2 III° lotto mediante rilascio di Permesso di costruire convenzionato ai sensi dell’art. 28 bis del DPR 380/2001 e s.m.i. - Approvazione schema di convenzione urbanistica (su proposta dell’Ass. Scardino);

  5. Approvazione Piano triennale Lavori Pubblici 2019/2021 ed elenco annuale 2019 (su proposta del Sindaco);

  6. Ricognizione degli immobili di Proprietà Comunale suscettibili di alienazione e/o valorizzazione, ai sensi dell’art. 58 del D.L. 112/2008, convertito con modificazioni nella Legge n. 133/2008 ed approvazione Schema Piano Alienazione e /o valorizzazioni 2019/2021 (su proposta del Sindaco);

  7. Verifica accertamenti Creset suolo pubblico e pubblicità – Discussione (su richiesta dei Conss. Di Santo, Prinzi, Cimino, Tripoli, Gregorio Nardo e Impalà).

  8. Adesione iniziativa “Mi illumino di meno” Mozione (su richiesta dei Conss. Tripoli, Cimino, Impalà e Gregorio Nardo);

  9. Miglioramenti della viabilità cittadina ed eliminazione criticità - Discussione e mozione (su richiesta dei Conss. Prinzi, Di Santo, Cimino, Gregorio Nardo, Impalà e Tripoli);

  10. Realizzazione zone Free Internet o Wi-Fi – Mozione (su richiesta del Cons. Tripoli);

  11. Lavori urgenti di manutenzione nel quartiere S. Michele e progetto di riqualificazione - Mozione – (su richiesta del Cons. Tripoli);

  12. Problematica assunzione precari e problematica stipendi – Mozione (su richiesta dei Conss. Tripoli, Cimino, Gregorio Nardo, Impalà);

  13. Chiusura tratto ferroviario Patti-Sant’Agata – Mozione (su richiesta del Cons. Tripoli);

     14. Lavoratori ASU – Discussione in merito (su richiesta del Cons. Franchina gruppo Città e Territorio).

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 114
 178 visitatori online
Articoli più visti